MODULI

1. L’architettura istituzionale dell’UE tra intergovernativismo e sopranazionalismo

a) Ricostruzione storica delle istituzioni e delle politiche UE; l’Italia e l’integrazione europea.

b) Il sistema politico e istituzionale dell’UE: canali di accesso per la partecipazione democratica.

c) L’esperienza sopranazionale della democrazia: il Parlamento europeo e i partiti politici europei.

d) Sussidiarietà e multi-level governance nell’architettura e nel processo decisionale UE.

2. Il paradigma dei diritti umani come fondamento del sistema UE

a) La conoscenza globale dei diritti umani nel processo educativo.

b) I diritti umani nel diritto e nella giurisprudenza dell’UE: dalla Carta dei diritti fondamentali dell’UE al
Trattato di Lisbona e all’adesione dell’UE alla Convenzione europea dei diritti umani.

c) La compenetrazione dell’ordinamento italiano e dell’ordinamento UE.

d) Linee guida dell’UE sui diritti umani.

3. La rappresentanza degli interessi nel sistema UE

a) Dialogo civile e dialogo sociale nell’UE.

b) Le piattaforme europee di società civile e il ruolo del Comitato economico e sociale europeo.

c) Gli enti di governo locale e regionale e il ruolo del Comitato delle Regioni.

d) Buona governance europea e difesa civica: l’esperienza del Mediatore Europeo e della Commissione per le petizioni del Parlamento europeo.

4. Identità e senso di appartenenza: l’UE di fronte alle sfide della globalizzazione

a) Statuto di cittadinanza nel diritto internazionale dei diritti umani.

b) Cittadinanza europea come cittadinanza plurale, dialogo interculturale e inclusione (Carta CoE 2010 e Dichiarazione ONU 2011).

c) Cittadinanza europea, pari opportunità, principio di non discriminazione e diritti sociali.

d) Diritti di cittadinanza nello sviluppo del sistema euromediterraneo.

5. La politica dell’UE per l’educazione e l’apprendimento permanente

a) La partecipazione italiana alla elaborazione delle politiche dell’UE e del CoE in materia di educazione.

b) Cittadinanza europea a scuola: presentazione di buone pratiche; curriucula e Piani di offerta formativa per la pianificazione dell’insegnamento dell’integrazione europea.

c) Tecniche di formazione e metodologie per sviluppare capacità e competenze volte ad coltivare nelle scuole idee innovative per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva (Strategia 2020).

d) Il ruolo dei Tutors nei programmi di formazione degli insegnanti.